Anmelden (DTAQ) DWDS     dlexDB     CLARIN-D

Marperger, Paul Jacob: Beschreibung der Banqven. Halle (Saale) u. a., 1717.

Bild:
<< vorherige Seite

Das X. Capitel
douera consignarle, o lasciarle in mano de Ministri, o altra per-
sona; ma sempre trattenerle nelle sue proprie.

La Porta della Volta medesima douera esser sempre aperta,
e serrata a Ministri secondo le occorrenze de ministerij partico-
lari, a quali saranno destinati nella Volta stessa de Libri Scontri,
con obligatione espressa di continua assistenza, non douendo la-
sciar in essa Volta entrare, che li soli Ministri deputati alli sudetti
Libri Scontri, sotto pena di Prigion, Bando, Galera, & etiam della
Vita, ad arbitrio publico. Douendo esser il sudetto luoco de Li-
bri Scontri, come vn Deposito Sacro, nel quale non habbino a
ingerirsi, che li soli Ministri necessarij; Et se mai alcuno, sia Mi-
nistro dalla parte de Libri Cassieri, o altra persona, sia di che con-
ditione esser si voglia, ardisse violare la publica volonta, douera
rifferirlo alla Giustitia, sotto le sudette pene per le proprie deli-
berationi.

Ordeni, e Regole in materia de' Ministri de Magistrati,
che tengono Giornale, e Quaderno.

Essendosi nella Reuisione de gl' Intacchi scoperti nel Banco del
Giro osseruate molte negligenze de' Ministri de Magistrati,
che tengono Giornale, e Quaderno, i quali con disordini che
restano ancora dalla Publica auttorita a ventillarsi, e correggersi,
hanno dato mottiuo, & aperto l' addito a Ministri del Banco, per
commettere tante essecrande fraudolenze. Per regolare con gl'or-
dini proprij i sconcerti, e portarui gl' adequati, & opportuni ri-
medij a diuertimento de futuri mali, (non douendo pero inten-
dersi immuni quelli, che hauessero per il passato a gli Ordini Pu-
blici contrauenuto.) Gl' Illustrissimi, & Eccellentissimi Signori
Reuisori Inquisitori sudetti, con la facolta medesima dall' Eccel-
lentissimo Senato impartitali, fanno publicamente intendere.

Che tutti li Ministri di qualunque Magistrato, che tiene Gior-
nale, e Quaderno, siano obligati tener nelli loro Libri Dita del
Banco corrispondente alli Libri del medesimo, e per il tempo di
cadaun Depositario dello stesso Banco, sij la medesima dita sum-
mata, e regolata, accio nel tempo della serata si vegga il resto ag-
giustato, e corrispondente nel Libro publico del Banco a quello

parti-

Das X. Capitel
douera conſignarle, o laſciarle in mano de Miniſtri, o altra per-
ſona; ma ſempre trattenerle nelle ſue proprie.

La Porta della Volta medeſima douera eſſer ſempre aperta,
e ſerrata a Miniſtri ſecondo le occorrenze de miniſterij partico-
lari, a quali ſaranno deſtinati nella Volta ſteſſa de Libri Scontri,
con obligatione eſpreſſa di continua aſſiſtenza, non douendo la-
ſciar in eſſa Volta entrare, che li ſoli Miniſtri deputati alli ſudetti
Libri Scontri, ſotto pena di Prigion, Bando, Galera, & etiam della
Vita, ad arbitrio publico. Douendo eſſer il ſudetto luoco de Li-
bri Scontri, come vn Depoſito Sacro, nel quale non habbino a
ingerirſi, che li ſoli Miniſtri neceſſarij; Et ſe mai alcuno, ſia Mi-
niſtro dalla parte de Libri Caſſieri, o altra perſona, ſia di che con-
ditione eſſer ſi voglia, ardiſſe violare la publica volonta, douera
rifferirlo alla Giuſtitia, ſotto le ſudette pene per le proprie deli-
berationi.

Ordeni, e Regole in materia de’ Miniſtri de Magiſtrati,
che tengono Giornale, e Quaderno.

Eſſendoſi nella Reuiſione de gl’ Intacchi ſcoperti nel Banco del
Giro oſſeruate molte negligenze de’ Miniſtri de Magiſtrati,
che tengono Giornale, e Quaderno, i quali con diſordini che
reſtano ancora dalla Publica auttorita a ventillarſi, e correggerſi,
hanno dato mottiuo, & aperto l’ addito a Miniſtri del Banco, per
commettere tante eſſecrande fraudolenze. Per regolare con gl’or-
dini proprij i ſconcerti, e portarui gl’ adequati, & opportuni ri-
medij a diuertimento de futuri mali, (non douendo pero inten-
derſi immuni quelli, che haueſſero per il paſſato a gli Ordini Pu-
blici contrauenuto.) Gl’ Illuſtriſſimi, & Eccellentiſſimi Signori
Reuiſori Inquiſitori ſudetti, con la facolta medeſima dall’ Eccel-
lentisſimo Senato impartitali, fanno publicamente intendere.

Che tutti li Miniſtri di qualunque Magiſtrato, che tiene Gior-
nale, e Quaderno, ſiano obligati tener nelli loro Libri Dita del
Banco corriſpondente alli Libri del medeſimo, e per il tempo di
cadaun Depoſitario dello ſteſſo Banco, ſij la medeſima dita ſum-
mata, e regolata, accio nel tempo della ſerata ſi vegga il reſto ag-
giuſtato, e corriſpondente nel Libro publico del Banco a quello

parti-
<TEI>
  <text>
    <body>
      <div n="1">
        <div n="2">
          <div n="3">
            <p>
              <pb facs="#f0226" n="206"/>
              <fw place="top" type="header"> <hi rendition="#b">Das <hi rendition="#aq">X.</hi> Capitel</hi> </fw><lb/> <hi rendition="#aq">douera con&#x017F;ignarle, o la&#x017F;ciarle in mano de Mini&#x017F;tri, o altra per-<lb/>
&#x017F;ona; ma &#x017F;empre trattenerle nelle &#x017F;ue proprie.</hi> </p><lb/>
            <p> <hi rendition="#aq">La Porta della Volta mede&#x017F;ima douera e&#x017F;&#x017F;er &#x017F;empre aperta,<lb/>
e &#x017F;errata a Mini&#x017F;tri &#x017F;econdo le occorrenze de mini&#x017F;terij partico-<lb/>
lari, a quali &#x017F;aranno de&#x017F;tinati nella Volta &#x017F;te&#x017F;&#x017F;a de Libri Scontri,<lb/>
con obligatione e&#x017F;pre&#x017F;&#x017F;a di continua a&#x017F;&#x017F;i&#x017F;tenza, non douendo la-<lb/>
&#x017F;ciar in e&#x017F;&#x017F;a Volta entrare, che li &#x017F;oli Mini&#x017F;tri deputati alli &#x017F;udetti<lb/>
Libri Scontri, &#x017F;otto pena di Prigion, Bando, Galera, &amp; etiam della<lb/>
Vita, ad arbitrio publico. Douendo e&#x017F;&#x017F;er il &#x017F;udetto luoco de Li-<lb/>
bri Scontri, come vn Depo&#x017F;ito Sacro, nel quale non habbino a<lb/>
ingerir&#x017F;i, che li &#x017F;oli Mini&#x017F;tri nece&#x017F;&#x017F;arij; Et &#x017F;e mai alcuno, &#x017F;ia Mi-<lb/>
ni&#x017F;tro dalla parte de Libri Ca&#x017F;&#x017F;ieri, o altra per&#x017F;ona, &#x017F;ia di che con-<lb/>
ditione e&#x017F;&#x017F;er &#x017F;i voglia, ardi&#x017F;&#x017F;e violare la publica volonta, douera<lb/>
rifferirlo alla Giu&#x017F;titia, &#x017F;otto le &#x017F;udette pene per le proprie deli-<lb/>
berationi.</hi> </p>
          </div><lb/>
          <div n="3">
            <head> <hi rendition="#aq"> <hi rendition="#i">Ordeni, e Regole in materia de&#x2019; Mini&#x017F;tri de Magi&#x017F;trati,<lb/>
che tengono Giornale, e Quaderno.</hi> </hi> </head><lb/>
            <p> <hi rendition="#aq"><hi rendition="#in">E</hi>&#x017F;&#x017F;endo&#x017F;i nella Reui&#x017F;ione de gl&#x2019; Intacchi &#x017F;coperti nel Banco del<lb/>
Giro o&#x017F;&#x017F;eruate molte negligenze de&#x2019; Mini&#x017F;tri de Magi&#x017F;trati,<lb/>
che tengono Giornale, e Quaderno, i quali con di&#x017F;ordini che<lb/>
re&#x017F;tano ancora dalla Publica auttorita a ventillar&#x017F;i, e corregger&#x017F;i,<lb/>
hanno dato mottiuo, &amp; aperto l&#x2019; addito a Mini&#x017F;tri del Banco, per<lb/>
commettere tante e&#x017F;&#x017F;ecrande fraudolenze. Per regolare con gl&#x2019;or-<lb/>
dini proprij i &#x017F;concerti, e portarui gl&#x2019; adequati, &amp; opportuni ri-<lb/>
medij a diuertimento de futuri mali, (non douendo pero inten-<lb/>
der&#x017F;i immuni quelli, che haue&#x017F;&#x017F;ero per il pa&#x017F;&#x017F;ato a gli Ordini Pu-<lb/>
blici contrauenuto.) Gl&#x2019; Illu&#x017F;tri&#x017F;&#x017F;imi, &amp; Eccellenti&#x017F;&#x017F;imi Signori<lb/>
Reui&#x017F;ori Inqui&#x017F;itori &#x017F;udetti, con la facolta mede&#x017F;ima dall&#x2019; Eccel-<lb/>
lentis&#x017F;imo Senato impartitali, fanno publicamente intendere.</hi> </p><lb/>
            <p> <hi rendition="#aq">Che tutti li Mini&#x017F;tri di qualunque Magi&#x017F;trato, che tiene Gior-<lb/>
nale, e Quaderno, &#x017F;iano obligati tener nelli loro Libri Dita del<lb/>
Banco corri&#x017F;pondente alli Libri del mede&#x017F;imo, e per il tempo di<lb/>
cadaun Depo&#x017F;itario dello &#x017F;te&#x017F;&#x017F;o Banco, &#x017F;ij la mede&#x017F;ima dita &#x017F;um-<lb/>
mata, e regolata, accio nel tempo della &#x017F;erata &#x017F;i vegga il re&#x017F;to ag-<lb/>
giu&#x017F;tato, e corri&#x017F;pondente nel Libro publico del Banco a quello</hi><lb/>
              <fw place="bottom" type="catch"> <hi rendition="#aq">parti-</hi> </fw><lb/>
            </p>
          </div>
        </div>
      </div>
    </body>
  </text>
</TEI>
[206/0226] Das X. Capitel douera conſignarle, o laſciarle in mano de Miniſtri, o altra per- ſona; ma ſempre trattenerle nelle ſue proprie. La Porta della Volta medeſima douera eſſer ſempre aperta, e ſerrata a Miniſtri ſecondo le occorrenze de miniſterij partico- lari, a quali ſaranno deſtinati nella Volta ſteſſa de Libri Scontri, con obligatione eſpreſſa di continua aſſiſtenza, non douendo la- ſciar in eſſa Volta entrare, che li ſoli Miniſtri deputati alli ſudetti Libri Scontri, ſotto pena di Prigion, Bando, Galera, & etiam della Vita, ad arbitrio publico. Douendo eſſer il ſudetto luoco de Li- bri Scontri, come vn Depoſito Sacro, nel quale non habbino a ingerirſi, che li ſoli Miniſtri neceſſarij; Et ſe mai alcuno, ſia Mi- niſtro dalla parte de Libri Caſſieri, o altra perſona, ſia di che con- ditione eſſer ſi voglia, ardiſſe violare la publica volonta, douera rifferirlo alla Giuſtitia, ſotto le ſudette pene per le proprie deli- berationi. Ordeni, e Regole in materia de’ Miniſtri de Magiſtrati, che tengono Giornale, e Quaderno. Eſſendoſi nella Reuiſione de gl’ Intacchi ſcoperti nel Banco del Giro oſſeruate molte negligenze de’ Miniſtri de Magiſtrati, che tengono Giornale, e Quaderno, i quali con diſordini che reſtano ancora dalla Publica auttorita a ventillarſi, e correggerſi, hanno dato mottiuo, & aperto l’ addito a Miniſtri del Banco, per commettere tante eſſecrande fraudolenze. Per regolare con gl’or- dini proprij i ſconcerti, e portarui gl’ adequati, & opportuni ri- medij a diuertimento de futuri mali, (non douendo pero inten- derſi immuni quelli, che haueſſero per il paſſato a gli Ordini Pu- blici contrauenuto.) Gl’ Illuſtriſſimi, & Eccellentiſſimi Signori Reuiſori Inquiſitori ſudetti, con la facolta medeſima dall’ Eccel- lentisſimo Senato impartitali, fanno publicamente intendere. Che tutti li Miniſtri di qualunque Magiſtrato, che tiene Gior- nale, e Quaderno, ſiano obligati tener nelli loro Libri Dita del Banco corriſpondente alli Libri del medeſimo, e per il tempo di cadaun Depoſitario dello ſteſſo Banco, ſij la medeſima dita ſum- mata, e regolata, accio nel tempo della ſerata ſi vegga il reſto ag- giuſtato, e corriſpondente nel Libro publico del Banco a quello parti-

Suche im Werk

Hilfe

Informationen zum Werk

Download dieses Werks

XML (TEI P5) · HTML · Text
TCF (text annotation layer)
TCF (tokenisiert, serialisiert, lemmatisiert, normalisiert)
XML (TEI P5 inkl. att.linguistic)

Metadaten zum Werk

TEI-Header · CMDI · Dublin Core

Ansichten dieser Seite

Voyant Tools ?

Language Resource Switchboard?

Feedback

Sie haben einen Fehler gefunden? Dann können Sie diesen über unsere Qualitätssicherungsplattform DTAQ melden.

Kommentar zur DTA-Ausgabe

Dieses Werk wurde gemäß den DTA-Transkriptionsrichtlinien im Double-Keying-Verfahren von Nicht-Muttersprachlern erfasst und in XML/TEI P5 nach DTA-Basisformat kodiert.




Ansicht auf Standard zurückstellen

URL zu diesem Werk: http://www.deutschestextarchiv.de/marperger_banqven_1717
URL zu dieser Seite: http://www.deutschestextarchiv.de/marperger_banqven_1717/226
Zitationshilfe: Marperger, Paul Jacob: Beschreibung der Banqven. Halle (Saale) u. a., 1717, S. 206. In: Deutsches Textarchiv <http://www.deutschestextarchiv.de/marperger_banqven_1717/226>, abgerufen am 05.08.2020.